Il baobab, la gazzella e la leonessa di Medina Lariana

Il baobab, la gazzella e la leonessa di Medina Lariana 5.0 out of 5 based on 6 votes.

Sotto la luna immensa e luminosa della Rift Valley un grande baobab assisteva immobile alla caccia notturna; animali carnivori inseguivano gazzelle fino a sfinirle. Forse gli uomini non c'erano ancora o forse si erano già estinti.

Di notte il baobab era certamente un albero. Durante il giorno e ancora di più verso il tramonto qualcosa di inspiegabile accadeva: l'albero sentiva, si sentiva, sapeva di esistere. A tratti percepiva l'energia salire dalle radici e per un attimo provava una specie di euforia. In quei momenti cercava di ricordare se c'era stato un inizio, se davvero era sempre stato un albero. Cercava di concentrarsi, ma le sensazioni erano troppo sfuggenti e mutavano ad ogni alito di vento. Con la cima delle sue fronde a volte poteva sentire l'umida potenza della grande cascata oppure vedere in lontananza il placido specchio del grande lago o intuire la solidità della montagna. Una sensazione tendeva a trattenersi espandendosi in tutto il suo esistere, qualcosa che somigliava ad una domanda mai formulata lo lasciava sospeso fino al tramonto.

Da tempo, non avrebbe saputo dire quanto, una gazzella si riparava dal sole cocente sotto le sue enormi fronde. Restava lì fino al tramonto col muso appoggiato al suo tronco quasi a volersi fondere con esso ed il Baobab poteva percepire la sua presenza. Certe volte sentiva un moto, un desiderio forse, l'esigenza di allargare le fronde, piegarsi e proteggere il bellissimo animale dal sole, dalle piogge, dai predatori, da tutto.

A Nord dell'altopiano una leonessa di montagna cercava un posto dove morire. Si era allontanata dal branco e l'istinto la stava guidando verso il grande lago. Durante la notte era davvero una leonessa, una vecchia leonessa che si accontentava di cibarsi degli avanzi degli altri predatori perché il suo cuore non avrebbe certo retto il peso della caccia. Era stanca e non sentiva quasi più il desiderio di saziarsi. Procedeva lentamente e doveva fermarsi di frequente a riposare. Durante il giorno e ancora di più verso il tramonto qualcosa d'inspiegabile accadeva: anche la leonessa a tratti percepiva di esistere. Con la testa adagiata sulle zampe anteriori si lasciava invadere da quella strana consapevolezza. Annusando l'aria si rendeva conto di sentire odori sconosciuti e quando si abbeverava poteva riconoscere la propria immagine riflessa nello specchio d'acqua.

Giunta nei pressi del grande lago durante un tramonto rosso fuoco vide qualcosa all'orizzonte e capì di essere arrivata. Un grande baobab e una bellissima gazzella, uniti e rivolti al sole, attendevano una risposta alla sua stessa domanda. La leonessa si adagiò davanti a loro con la testa poggiata sulle zampe anteriori ed insieme a loro attese che il sole si spegnesse nel lago.

Qualunque essere vivente, percorrendo la Rift Valley al tramonto, potrà vedere un grande baobab, una bellissima gazzella e una vecchia leonessa di montagna guardare il sole scendere nel grande lago; aspettando di diventare uomini o ricordando di esserlo stati.

 

 

Medina Lariana
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Commenti (5)
  • Paola C.  - Benvenuta

    Molto bella questa prima storia, sembra proprio trasportare in un'atmosfera magica.
    Ma ancora più bella è l'idea di questa rubrica, complimenti. Ci sono molti piccoli ma magici scrittori che aspettano solo il uogo adatto a raccogliere le loro parole e le loro emozioni... Spesso leggo storie sconosciute così belle, che sarebbe un peccato rimanessero tali.
    E per noi lettori, c'è sempre bisogno di sognare, e ancora di più di riflettere, di mparare da ciò che ci circonda. Le favole arrivano dove nessun altro riesce.

  • Cerco di Volare

    Ciao Paola,presentazione e accoglienza più belle alla rubrica non potevano esserci. Grazie 1000! :D
    E se ti piace scrivere... invia anche un tuo pezzo a Nadia a info@cercodivolare.com , saremo felici magari di trovarlo tra gli altri racconti pubblicati!
    Grazie e a presto!

  • gianbarly  - Che atmosfera!

    Bellissima atmosfera e un tempo sospeso attraverso i millenni. Grande sensibilità nel descrivere l'abbozzo di consapevolezza dei protagonisti. Felice la scrittura. Bravissima!!! :D :D :D

  • angela chiocchetti

    questa rubrica ci voleva proprio...

  • Lorenzo Zesi  - Ben detto!

    Brava Angela, ben detto! Nemmeno 24 ore che è online e sta già riscuotendo non poco interesse! :D

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:D:angry::angry-red::evil::idea::love::x:no-comments::ooo::pirate::?::(
:sleep::););)):0
Security

Leggi gli articoli della rubrica Cortecce

Pescatori di sogni di Franz Rossi

Autore : Nadia Manzoni Hits : 669
Pescatori di sogni di Franz Rossi In una piovosa e malinconica domenica pomeriggio, dopo aver svolto un paio di commissioni, me ne tornavo verso casa. Li ho visti mentre rallentavo all'approssimarsi dell'incrocio in una squallida strada dell'hinterland milanese. Da un lato i capannoni di una vecchia area industriale: alcuni ristrutturati ma già con gli evidenti segni del tempo che passa, altri abbandonati al loro destino. Dall'altro lato i palazzoni di periferia e un piccolo parco che vorrebbe ingentilire la strada. Erano in...

CONTINUA

Il piccolo fiume - Eco Fiaba di Medina Lariana

Autore : Nadia Manzoni Hits : 515
Il piccolo fiume - Eco Fiaba di Medina Lariana C’era una volta, non tanto tempo fa, un piccolo fiume di nome Bèr che scorreva allegro dalla montagna di cristallo fino alla grande pianura. Bèr era un fiume svelto e luccicante, amico degli uomini e dei bambini che d’estate andavano a fare il bagno nelle sue acque fresche. Bèr era molto amico anche dei contadini ai quali dava volentieri un po’ della sua acqua per irrigare i campi e per innaffiare gli orti. Un giorno nella pianura arrivarono degli uomini cattivi e prepotenti che cominciarono a b...

CONTINUA

Wunder e Freddie - Autore: NoDaiDarioNo

Autore : Nadia Manzoni Hits : 625
Wunder e Freddie - Autore: NoDaiDarioNo Era arrivato quando avevo appena smesso di essere un bambino problematico e stavo diventando un ragazzo difficile. Come quasi tutti i ragazzi difficili avevo del talento musicale; ero un batterista e questo ai vicini non piaceva, soprattutto da quando avevo deciso che la mia destinazione sarebbe stata l’Heavy Metal. Il nome, Wunder, gliel’avevano affibbiato nel posto dal quale proveniva, probabilmente immaginando quanto sarebbe stato figo sbraitare “Wunder, Sitz!” una volta concluso l’addestram...

CONTINUA

Un campo di fiordalisi di Laura Marchetti

Autore : Nadia Manzoni Hits : 863
Un campo di fiordalisi di Laura Marchetti E poi c'era un Dio buono che ci sgridava se non andavamo a messa o alla dottrina e che si trasformava in pane e non volevano che si buttasse via nemmeno una mollica... e tante formiche in fila indiana e la noia a volte nel paese... arrivava in lambretta e mentre era al bar a bere noi mettevamo in moto di nascosto il motore e fuggivamo che ci rincorreva... la gara a bocce nelle strade, la briscola e il tressette, le bestemmie, la morra. La guerra nelle fotografie la storia una poesia da mandare ...

CONTINUA

Un mondo antico di Nunzio Campanelli

Autore : Nadia Manzoni Hits : 907
Un mondo antico di Nunzio Campanelli La sottile striscia d’asfalto, svolgendosi sui fianchi della montagna, ne scalfisce lievemente la bellezza, come un sorriso ombrato da una leggera inquietudine.Sui prati, dei bovini ci guardano con apprensione mentre transitiamo sulla strada con le nostre auto. Più in alto, sopra una modesta prominenza avanza un bue d’imponente stazza, fermandosi per meglio osservarci, chiaramente infastidito dalla nostra presenza. Il paesaggio sembra voler assecondare le nostre aspettative, mettendo in mostra q...

CONTINUA

Il baobab, la gazzella e la leonessa di Medina Lariana

Autore : Nadia Manzoni Hits : 898
Il baobab, la gazzella e la leonessa di Medina Lariana Sotto la luna immensa e luminosa della Rift Valley un grande baobab assisteva immobile alla caccia notturna; animali carnivori inseguivano gazzelle fino a sfinirle. Forse gli uomini non c'erano ancora o forse si erano già estinti. Di notte il baobab era certamente un albero. Durante il giorno e ancora di più verso il tramonto qualcosa di inspiegabile accadeva: l'albero sentiva, si sentiva, sapeva di esistere. A tratti percepiva l'energia salire dalle radici e per un attimo provava una specie di...

CONTINUA